Gastronomia

Bookmark and Share

In generale si mangia bene perché l'immigrazione diversificata ha aggiunto varietà, e sono molto comuni specialità italiane e orientali. La vicinanza con l'Asia ha arrecato alle ricette australiane anche delle influenze asiatiche. I piatti più gustosi abbinano noci, frutti e bacche locali a carni tipiche del posto, come emu, coccodrillo e granchio. Ottimi il pesce, i crostacei e i frutti di mare. Da assaggiare anche le insalate e i frutti tropicali.

Grazie al suolo ricco di minerali e molto spesso sabbioso, il vino del Victoria assume aromi e profumi particolari; tra l'altro, la posizione geografica favorevole (a 30° di latitudine sud) è caratterizzata da temperature estive miti e mai torride, paragonabili a quelle che si riscontrano da noi in Piemonte o in Francia nel Bordeaux. Nel corso degli anni si è sviluppato un 'gusto' prettamente australiano, fruttato e cremoso. La vendemmia, e le manifestazioni ad essa collegate, si svolge tra febbraio e maggio e la maggior parte delle aziende offre degustazioni gratuite oltre naturalmente alla vendita; inoltre si può richiedere, all'atto dell'acquisto la spedizione in Italia.

All'interno dello Stato del Victoria ci sono ben 19 regioni vinicole differenti, con oltre 320 aziende vinicole. Durante l'anno, si svolgono numerose manifestazioni enogastronomiche un po' in tutte le località. Giustamente Melbourne è annoverata fra le Grandi Capitali mondiali del Vino.